Fiammetta Sciacca nasce nel 1957 da Giuseppe Maria Sciacca, filosofo e Rita Piccinato storica dell’arte.
Dai genitori eredita la passione per l’arte e una grande capacità speculativa.
Dedica tutta la sua vita alla formazione prima delle/degli studenti più giovani e negli ultimi 30 delle/dei ragazze/i dell’Accademia di Belle Arti di Palermo.

Nell’insegnamento come nella vita non riesce a fermarsi a una conoscenza superficiale dei fatti, ha assoluta necessità di entrare dentro le cose e conoscerle a fondo, lo stesso interesse profondo lo dimostra nei suoi rapporti amicali, sempre attenta alle esigenze di tutti cerca di supportare con delicata presenza.
Anche le/gli studenti beneficiano di questo spirito.

Donna dai molteplici interessi come il teatro, il cinema, la letteratura e la musica, trasmette a chi le sta accanto questa passione per la conoscenza e insegna alle/ai ragazzi ad essere curiose/i per osservare il mondo con occhi e mente sempre attenti. Autorevole ma mai autoritaria è stata a fianco delle/degli ultime/i, delle/dei più disagiate/i supportando con fervida passione battaglie politiche e sociali e rispettando tutte e tutti riusciva a riconoscere a tutte/i la stessa dignità.

Ci ha lasciato il 1 settembre del 2017.
Un gruppo immenso di amiche e amici la ricorda con amore e tenerezza e in tutti ha lasciato un incolmabile buco nell’anima.